Studente attivo e protagonista: strategie per una didattica inclusiva nella scuola che fa bene

Tutte le ricerche in campo neuro-scientifico oggi dimostrano che star bene a scuola è una condizione fondamentale per l’apprendimento. Purtroppo la realtà è ben diversa. La composizione delle classi di oggi poi porta ad un crescente burn out di docenti in età sempre più precoce. Il corso si propone così di fornire ai docenti un repertorio unico di strategie efficaci e utili per una scuola altamente inclusiva, dove ogni alunno sia valorizzato e progressivamente guidato alla sua libertà di scelta, all’interno di un contesto guidato, rispettoso e di benessere per tutti.

Formatrici: Elena Conte e Annalisa De Stasi

Durata: 15 ore

Costo: 140,00

Quantità:

Product Description

Facebooktwittergoogle_pluspinterestFacebooktwittergoogle_pluspinterest

 


Informazioni sul corso:


Ambito formativo

Ambiti trasversali:

  • Didattica e metodologie
  • Metodologie e attività laboratoriali
  • Didattica per competenze e competenze trasversali

Ambiti specifici:

  • Bisogni individuali e sociali dello studente
  • Inclusione scolastica e sociale;
  • Gestione della classe e problematiche relazionali;

 

Destinatari:

insegnanti della Scuola Primaria e Secondaria di Primo grado (corsi separati per ciascun ordine, in quanto i materiali, gli esempi e le attività proposte sono altamente specifici).

 

Finalità

Tutte le ricerche in campo neuro-scientifico oggi dimostrano che star bene a scuola è una condizione fondamentale per l’apprendimento. La realtà è ben diversa: nonostante l’aumentato numero di corsi di formazione e le pubblicazioni didattiche, il benessere di docenti e studenti a scuola va peggiorando. La composizione delle classi di oggi poi porta ad un crescente burn out di docenti in età sempre più precoce.

All’interno di questo quadro sconfortante abbiamo deciso di rivolgere le nostre attenzioni agli insegnanti di successo, alle scuole ‘alternative’, alla ricerca delle migliori strategie didattiche applicabili da subito, in classe, anche nella scuola pubblica. Dopo aver visitato scuole libertarie, steineriane, montessoriane, Senza Zaino; dopo aver studiato e applicato tantissime metodologie, abbiamo realizzato un repertorio unico di strategie efficaci e utili per una scuola altamente inclusiva, dove ogni alunno sia valorizzato e progressivamente guidato alla sua libertà di scelta, all’interno di un contesto guidato, rispettoso e di benessere per tutti.

 

 

Obiettivi

  • Individuare e applicare le migliori strategie per superare le difficoltà nella realizzazione pratica di una didattica realmente inclusiva per tutti, in classe;
  • Evidenziare il ruolo centrale delle emozioni e della libertà di scelta nel processo di apprendimento;
  • Conoscere i vantaggi di introdurre occasioni di libera scelta nella didattica quotidiana;
  • Conoscere principi e modelli didattici miranti all’equilibrio tra promozione delle autonomie, metacognizione e potenziamento del gruppo classe;
  • Conoscere i principi di una concezione costruttivistica della conoscenza e le teorie sull’errore alla luce delle neuroscienze; l’effetto Pigmalione e le sue ricadute in ambito scolastico;
  • Conoscere e applicare strategie per la costruzione del gruppo classe step by step, guidando il singolo progressivamente al confronto con gli altri in ottica inclusiva e metacognitiva attraverso l’uso di istruzioni scritte;
  • Condivisione e sperimentazione di modalità efficaci di conduzione della lezione frontale parcellizzata (non massiva e non stile monologo), che coinvolge e motiva tutti, sollecitando tutti gli stili cognitivi e rendendo gli studenti attivi;
  • Conoscere e usare nuovi strumenti didattici efficaci (non fotocopie!), comprendere le potenzialità e i principi per realizzarne altri in risposta alle esigenze di ciascun gruppo classe;
  • Conoscere il potere del gioco da tavola nell’apprendimento a tutte le età;
  • Conoscere i valori, i principi e l’organizzazione della gestione dei gruppi di lavoro per stazioni o tavoli di apprendimento per differenziare l’apprendimento in ogni ora di lezione, efficacemente, monitorando il lavoro dei tuoi studenti;
  • Introdurre e guidare la libertà di scelta (le agende). Il setting d’aula efficace: strategie facilmente applicabili da domani nella tua classe, per modificare gli spazi senza aspettare l’intervento del ministero o del comune!
  • Riconoscere il valore del feedback dei bambini e dei ragazzi, rispetto alle proposte didattiche (esempi di feedback).

 

 

Contenuti del corso

Conoscere e usare il Potere delle aspettative: l’effetto Pigmalione. Il conto corrente emozionale in classe, e il focus dell’insegnante efficace.

Il modello dell’artigiano illuminato per diventare un insegnante coach che guida e motiva i suoi studenti impiegando sapientemente l’esempio e trasmettendo il sapere procedurale, anche impiegando i principi della legge di Pareto 20/80.

Dove nasce il problema dell’errore e il mito dell’insegnante infallibile; la delicata questione del rispetto.

Come abbattere il boomerang della rigidità trasformando gli inconvenienti in opportunità: il modello vincente per la lezione frontale e l’impiego di un’ampia varietà di stimoli.

Ascolto e osservazione in classe: ascolto empatico e counseling all’apprendimento. Le parole dell’insegnante per insegnare la responsabilità.

I vantaggi della differenziazione e della libertà di scelta in classe per tutti: la qualità delle istruzioni di lavoro e le stazioni di apprendimento. Principi di didattica aperta.

Voti premi e castighi uccidono la voglia di imparare: dal modello della dipendenza al modello dell’autonomia. Alternative alla valutazione: autocorrezione e covalutazione.

Il falso mito della gestione della classe: comincia pensando alla fine; dove nasce e prospera il bullismo; imprevisti prevedibili; strutturare il tempo e l’ambiente in direzione dell’autonomia degli studenti.

 

Modalità:

Il corso è fortemente pratico ed esperienziale! Tutti gli incontri prevedono una parte di introduzione teorica seguita dall’applicazione e da esempi concreti, sperimentati sul posto e applicabili immediatamente in classe. Le attività previste includono: condivisione di esperienze tra docenti, lettura di testimonianze (la parola agli studenti), impiego ed utilizzo in aula di strumenti didattici inclusivi e potenzianti per la differenziazione didattica, realizzati anche con materiali poveri; sperimentazione di percorsi per stazioni di apprendimento differenti per ordine di scuola e disciplina; analisi di istruzioni scritte e modalità di lezione frontale parcellizzata e attivante per gli studenti. Condivisione di molteplici modalità per rendere l’aula flessibile e adattabile alle diverse esigenze: una vera e propria aula-laboratorio.

 

 

N° di ore di corso:

Corso standard: 15 h in presenza

A richiesta corso lungo: 18 h, di cui 15 in presenza e 3 h on line con counseling e supporto individuale.

 

 

Date prossima edizione:

in corso di programmazione da settembre 2019

 

Attestato:

Il Corso rilascia a tutti i corsisti l’attestato di partecipazione quale Ente accreditato MIUR per la formazione dei docenti ai sensi della D. M. 170/2016 per complessive 15 o 18 (a seconda se corso breve o corso lungo).

 

Costo corso:

Corso standard: 140,00 € per partecipante

Corso lungo: 159,00 € per partecipante

 

Docenti:

Elena Conte e Annalisa De Stasi

Elena, laureata presso l’Università di Padova, è da 11 anni docente di lettere presso la scuola secondaria di primo grado. Dal 2007 si dedica alla ricerca e alla sperimentazione didattica continua, a favore dell’inclusione e del benessere. Figura strumentale per l’intercultura dal 2011, sensibile all’inclusione, da anni porta avanti una ricerca su ulteriori strategie didattiche inclusive visitando scuole a forte impronta pedagogica con De Stasi Annalisa con cui ha pubblicato il libro “La scuola che fa bene” (Uno Editori, 2018) che contiene le migliori pratiche e strategie didattiche osservate e provate sul campo.

Annalisa, docente di Lettere nella scuola secondaria di primo grado. Si occupa dal 2006 di ricerca e sperimentazione negli ambiti dell’inclusione, dell’innovazione didattica, della prevenzione del disagio. Tiene corsi di formazione per docenti di ogni ordine e grado sugli stessi temi. La sua formazione personale e professionale si è arricchita attraverso le visite presso scuole italiane statali e non, di impronta steineriana, libertaria, montessoriana. Coautrice insieme alla professoressa Elena Conte del libro “La scuola che fa bene”, (Uno Editori, 2018), ha progettato con lei i corsi di formazione, spesso tenuti insieme.

Fondazione Enrica Amiotti - c/o Ismu - Via Copernico 1, 20125 Milano - P.IVA 10030110968 - Cod. Fisc. 97447550159 - Termini e Condizioni - Privacy e Cookie Policy