Quando il conflitto fa bene. Percorso sperimentale di Alfabetizzazione Emotiva per docenti

Parlare di un conflitto che “fa bene” è folle. Ma possiamo trasformare questa Follia in uno strumento per dialogare con noi stessi e con i nostri bambini nella maniera più genuina e serena possibile, insegnando loro, attraverso il nostro esempio, Insegnante Supremo, che la Scuola è viva ed esiste, per noi, prima di tutto, per insegnare a star bene con se stessi, con gli altri e in ogni ambiente o situazione di vita. Gli apprendimenti stessi non sono spesso possibili o sono comunque difficili e pesanti se non vi è accoglienza sotto l’aspetto emotivo e la scuola non è vissuta come un sereno ambiente di apprendimento.

Formatrice:

Annalisa Rossetti Bartoli

Durata: 20 ore 

Costo: 119,00

Quantità:

Product Description

Facebooktwittergoogle_pluspinterestFacebooktwittergoogle_pluspinterest

 


Informazioni sul corso Rinascimente:

 


Ambito formativo

Ambiti trasversali:

  • Didattica e metodologie;
  • Metodologie e attività laboratoriali;
  • Didattica per competenze e competenze trasversali;

 

Ambiti specifici:

  • Gestione della classe e problematiche relazionali
  • Bisogni individuali e sociali dello studente;

 

 

Durata:

Corso di 20 h:

 

20 h in totale. L’unità formativa è così composta:

  • 8 h di formazione in presenza
  • 4 h di lavoro individuale di approfondimento (all’interno del piano di formazione dell’insegnante): il formatore metterà a disposizione materiale + bibliografia di riferimento;
  • 6 h di messa in campo delle attività
  • 2 h di webinar (on line) con il formatore.

 

 

Descrizione:

 

  • Promuovere un processo di alfabetizzazione emozionale nei docenti, come strumento consapevole degli stessi, relativamente alle emozioni, per la prevenzione delle diverse forme di disagio, stimolando l’elaborazione metacognitiva  sul valore funzionale delle stesse, creativo di pensieri e comportamenti in relazione al contesto  vissuto e percepito;
  • Promuovere un processo di riconoscimento del conflitto, nei docenti, come strumento consapevole   degli  stessi, relativamente alle emozioni loro e degli altri;
  • Favorire e promuovere la crescita personale e al cambiamento di Comportamenti/atteggiamenti attraverso  la  scoperta e  la  valorizzazione delle  proprie  abilità e competenze, in relazione alla gestione emotiva di sé, con particolare attenzione alle situazioni di conflitto;
  • Sensibilizzare all’accoglienza emotiva per porsi al servizio dell’altro, senza discrimine di ruoli, privilegiando la dimensione umana  rispetto a  ogni altra, riconoscendo  nell’altro una parte di sé, prescindendo da gerarchie  e schemi rigidi di vario genere, anche legati a situazioni e ambienti.

 

 

Destinatari:

 

Tutti gli insegnanti di ogni ordine di scuola e chiunque abbia interesse a partecipare (possibilità di pagamento tramite bonifico paypal o bonifico bancario)

 

 

Obiettivi:

 

  • Sviluppare l’acquisizione di una maggiore conoscenza/consapevolezza di sensazioni / emozioni / sentimenti propri, con particolare riferimento al conflitto;
  • Sviluppare l’acquisizione di una maggiore conoscenza/consapevolezza di sensazioni/emozioni/sentimenti altrui (ascolto attivo ed empatia, mettersi “nei panni di…”), con particolare riferimento al conflitto;
  • Sviluppare atteggiamenti di apertura e condivisione delle proprie emozioni così come delle proprie difficoltà nella loro gestione, all’interno dei contesti di riferimento, con particolare riferimento al conflitto;
  • Migliorare la gestione comportamentale delle proprie emozioni attraverso specifici interventi di facilitazione della regolazione emotiva, da “utilizzare” come tecniche e strumenti a disposizione per operare successivamente all’interno della propria classe o sezione, con particolare attenzione al conflitto;
  • Acquisire strumenti per risolvere difficoltà personali e relazionali, cercando soluzioni e alternative comportamentali funzionali alla risoluzione di situazioni problematiche in atto;
  • Sviluppare e valorizzare la capacità di rapportarsi agli altri in modo efficace, instaurando una comunicazione interpersonale che si avvalga delle proprie risorse come strumenti e di una più corretta lettura dei messaggi nel loro insieme, verbali e non verbali;
  • Sviluppare apertura verso l’altro da sé, rendendosi disponibili all’accoglienza e all’incontro anche al di fuori di rigidi schemi di comportamento, legati a convenzioni, situazioni codificate, ambienti e/o stereotipie.

 

 

Modalità:

  • Ascolto attivo di sé(senza alcuna forma/modalità di giudizio)
  • Riconoscimento e accettazione delle emozioni provate
  • Riconoscimento e accettazione delle emozioni dell’altro
  • Condivisione delle stesse (quando possibile col gruppo)
  • Riconoscimento delle stesse e di come agiscono anche nei diversi e possibili contesti comunicativi, con particolare attenzione al conflitto
  • Gestione consapevole delle stesse nei diversi e possibili contesti comunicativi, con particolare attenzione al conflitto

 

Il corso ha un’impostazione laboratoriale e dunque partecipativa:

  • Disposizione a Circle Time
  • Brainstorming
  • Heartstorming
  • Dialogo e condivisione
  • Esercizi pratici, simulazioni e drammatizzazioni (role-plays) legate alle situazioni di vita portate dai docenti come materiale su cui lavorare in condivisione e confronto
  • Attività grafico-pittoriche
  • Creazione di un proprio e personale “Diario di Bordo” su cui annotare tutto ciò che emerge nel percorso e che non vuol essere condiviso
  • Altro, suggerito dai partecipanti, utile al raggiungimento degli obiettivi prefissi
  • Materiale didattico e bibliografia valido sia/al per il corso che alle/per le attività da proporre in classe o sezione

 

 

 

Costo a carico:

119 euro

 

 

Sede e data svolgimento:

In programmazione da gennaio 2020

 

 

Attestato

Il Corso rilascia a tutti i corsisti l’attestato di partecipazione quale Ente accreditato MIUR per la formazione dei docenti ai sensi della D. M. 170/2016 per complessive 20 ore.

 

 

Formatrice:

Annalisa Rossetti Bartoli

Annalisa è laureata in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università degli Studi di Pisa. Da oltre vent’anni è docente di Scuola Primaria, affiancando da sempre l’attività d’insegnamento a percorsi di crescita personale e studi di Psicanalisi, Gestalt, Psicologia Immaginale, Logosintesi, che l’hanno portata a vivere il ruolo di insegnante come una continua ricerca in grado di condurre i bambini e le bambine a vivere la scuola e le relazioni che vi si snodano  come una vera esperienza di vita. È Mediatrice Familiare e Counselor. Il suo lavoro  s’ispira anche agli insegnamenti di Antonella Tagliabue, formatrice e scrittrice di testi di alfabetizzazione emotiva per la Casa Editrice  Erickson.

 

Fondazione Enrica Amiotti - c/o Ismu - Via Copernico 1, 20125 Milano - P.IVA 10030110968 - Cod. Fisc. 97447550159 - Termini e Condizioni - Privacy e Cookie Policy