PNRR – IL PIANO DI RIPRESA E RESILIENZA

Il Next Generation EU è un programma che si propone di affrontare sei sfide fondamentali per lo sviluppo del nostro paese e di tutta l’Unione Europea:

  1. transizione verde;
  2. trasformazione digitale;
  3. crescita intelligente, sostenibile, inclusiva;
  4. coesione sociale e territoriale;
  5. salute e resilienza economica, sociale, istituzionale;
  6. politiche per le nuove generazioni, l’infanzia, i giovani.

LE NOSTRE PROPOSTE ALLE SCUOLE PER IL PNRR

Questo percorso formativo sulla Flipped TV fornirà la metodologia e gli strumenti tecnico-didattici per realizzare una Web TV di classe / plesso / istituto, coinvolgendo e rendendo protagonisti le studentesse e gli studenti delle classi coinvolte.

Facendo leva sull’utilizzo di semplici strumenti hardware poco costosi, acquistabili a parte dall’Istituto, sarà possibile gestire le riprese, l’editing, la regia, la messa in onda e la registrazione di video realizzati dai ragazzi, utilizzando anche i PC e gli smart-phone in dotazione alla scuola e alle famiglie.

Tutto ciò partendo dall’esperienza concreta di Comunità Educanti di Torino, presto diffusa nel resto d’Italia e in alcuni Paesi del Mediterraneo. Secondo le linee guida della Fondazione Enrica Amiotti, la Flipped TV è un elemento cardine per lo sviluppo delle Comunità Educanti ABC (Arte-Benessere-Cittadinanza) e l’attuazione concreta e documentazione di metodi didattici “attivi e inclusivi, inseriti in una logica di “service learning” (= “learning by doing good”), apprendendo attraverso attività socio- educative utili per i territori.

PREZZO: 3.000€

Se interessati contattare [email protected]

Il percorso formativo fornisce gli strumenti tecnici e operativi per costruire la messa in onda della Web TV di istituto attraverso l’uso dei Format Televisivi, che possono coinvolgere le varie componenti della Comunità Educante: alunni, docenti, famiglie, associazioni ed enti locali, scuole gemellate in Italia e all’estero.

PREZZO: 3.000€

Se interessati contattare [email protected]

Grazie alle molteplici esperienze maturate nell’utilizzo del «linguaggio progettuale» nella didattica, il corso intende proporre un approccio innovativo che è particolarmente adatta ad affrontare sfide complesse favorendo il processo di condivisione. Tutto ciò, attraverso il seguente percorso che è articolato su tre momenti e che prende le mosse da studi recenti sulla teoria della complessità.

  1. Esplorare: raccogliere dati e informazioni sul tema specifico del bando per valutarne la reale portata e gli ambiti di intervento;
  2. Elaborare: identificare dei progetti di cambiamento sui quali operare una prima selezione seguita da una pianificazione di massima;
  3. Esperire: dar corso ai progetti selezionati creando fin dall’inizio le condizioni per ingaggiare e motivare la popolazione studentesca coinvolta.

PREZZO: 3.800€

Se interessati contattare [email protected]

Il corso è caratterizzato dalla continua alternanza fra teoria e pratica seguendo l’ordine delle quattro fasi e dei sette passi previsti nel kit metodologico, ovvero:

Fase creativa: definizione della “carta d’identità del progetto” seguita dal “brainstorming” (pensiero divergente) e dalla “mappa mentale” (pensiero convergente);

Fase di pianificazione: costruzione del “diagramma ad albero” contenente le attività da svolgere seguita dalla loro collocazione temporale attraverso il “calendario di progetto”;

Fase di esecuzione e controllo: verifica delle risultanze man mano prodotte attraverso dei “semafori di progetto” con cui valutare lo stato di avanzamento ed aggiustare la rotta;

Fase di chiusura: discussione finale volta a identificare le “lezioni apprese” nel corso del progetto, capitalizzare l’esperienza singola e collettiva gettando le basi per future iniziative.

PREZZO: 3.800€

Se interessati contattare [email protected]

Il percorso di robotica educativa proposto vuole dare l’opportunità di pensare criticamente condividendo dubbi e difficoltà con il gruppo classe, lasciare il giusto spazio alla creatività, analizzare le relazioni tra causa ed effetto, cimentarsi in attività nuove e apparentemente difficili o distanti dalla didattica abituale.

Uno degli aspetti più significativi dell’introduzione della robotica educativa in ambiente scolastico è rappresentato dai percorsi di progettazione collettiva: un ottimo strumento per apprendere la suddivisione dei ruoli, la gestione dei materiali, l’importanza della bozza grafica, ma anche la funzione della restituzione progettuale, che può essere guidata dal reportage video-fotografico, dalla presentazione alla classe, dalla condivisione peer to peer, anche coinvolgendo alunni/e di altre sezioni e/o di Istituti diversi.

La robotica educativa, infine, si interfaccia ottimamente con il tinkering così come con le attività di stampa 3D: utilizzando kit come “Makey Makey” è possibile proporre laboratori sulla conduttività elettrica da affiancare all’uso di semplici componenti elettrici e/o di uso comune, mentre, attraverso la modellazione e la stampa 3D si possono autoprodurre pezzi di ricambio e customizzare le proprie costruzioni personalizzandole in base alla progettazione collettiva.

Gli incontri formativi sono altamente pratici poiché, oltre ad affrontare la “materia” dal punto di vista teorico e metodologico, vengono fornite indicazioni su bibliografia, strumenti, materiali, approcci, presentando ciascun laboratorio in tutti i suoi aspetti.

Il percorso di robotica educativa viene personalizzato sulla base delle esigenze dei diversi istituti e concordato affinché possano essere utilizzati i kit disponibili: Lego WeDo 2.0, Lego Mindstorm Ev3, Lego Spike (Prime/Essential), Halocode, Arduino, etc

PREZZO: 2.000€

Se interessati contattare [email protected]

Disegnare personaggi, stampare solidi tridimensionali, produrre stencil con cui poi dipingere sono solo alcune delle plurime applicazioni possibili della stampa 3D: tutto ciò si può legare facilmente all’introduzione di concetti come prototipazione, autoproduzione, sostenibilità ambientale.

Avere la possibilità di progettare, modellare e produrre in autonomia un pezzo di ricambio evitando così di smaltire un oggetto che può ancora essere riparato, poter utilizzare bobine provenienti dalla filiera del riciclo, sono ottimi “pretesti” per socializzare e confrontarsi sui temi dell’economia circolare, della sostenibilità ambientale e, nel suo complesso, del futuro del nostro pianeta.

Per modellare 3D occorre, innanzitutto, imparare a utilizzare software specifici, anche open source, che permettono di rendere concrete le idee, correggere gli errori, mettere in pratica consigli, trasformandoci in inventori e designer. La forza della tecnologia additiva, infine, sta soprattutto nella possibilità di toccare con mano quello che fino a qualche ora prima era solo un disegno o una semplice idea/desiderio.

Il corso intende accompagnare i/le partecipanti in tutte le fasi del processo produttivo, dalla modellazione alla stampa vera e propria dei progetti realizzati, anche funzionali all’approfondimento delle materie curricolari (es. progettazione e stampa di solidi 3D, di personaggi per condurre percorsi di storytelling…).

PREZZO: 2.000€

Se interessati contattare [email protected]

Un modo efficace per tradurre la parola tinkering è “pensare con le mani”, poiché, spesso, durante questo tipo di attività, la sorpresa e la scoperta avvengono nel momento dell’azione ancor più che in fase progettuale, nonostante la prototipazione veloce sia una delle basi fondanti del tinkering. MadLab 2.0 impiega questa metodologia didattica per addentrarsi in diverse materie in maniera fattiva e coinvolgente, utilizzando fantasia e creatività per parlare di robotica e innovazione tecnologica, ma anche per toccare argomenti di indubbia urgenza come l’inclusione, favorendo l’accesso alla cultura e creando apprendimento.

Il percorso formativo per docenti che proponiamo prevede la progettazione condivisa di unità didattiche che possano integrare le attività di tinkering nelle lezioni/azioni quotidiane.Gli incontri formativi sono altamente pratici poiché, oltre ad affrontare la “materia” dal punto di vista teorico e metodologico, vengono fornite indicazioni su bibliografia, strumenti, materiali, approcci, presentando ciascun laboratorio in tutti i suoi aspetti.

Gli argomenti che tratteremo saranno la meccanica, la conduttività elettrica, il riciclo creativo, il pre-cinema, le illusioni ottiche. Ecco alcuni laboratori d’esempio: circuiti morbidi, scribbling machines, taumatropio, proiettore di ologrammi, automata, bristelbot, etc

PREZZO: 2.000€

Se interessati contattare [email protected]

Formarsi con l’ironia: questo corso mostrerà, anche attraverso esercitazioni pratiche e approcci didattici innovativi come il Debate, l’importanza dell’ironia all’interno del processo formativo, abituando lo studente/alunno alla messa in discussione, sviluppando l’acquisizione delle Life Skills o competenze di vita, tra cui il pensiero critico, creativo, l’empatia, la comunicazione, ecc… e facilitando la relazione educativa tra docente e studente e tra studenti, prevenendo l’insorgere di conflitti e contribuendo alla gesrione delle classi difficili.

PREZZO: 1.500€

Se interessati contattare [email protected]

Il Service Learning è lo strumento chiave per la creazione di Comunità Educanti e lo sviluppo di competenze attraverso attività di utilità sociale, dentro la scuola e nei territori (“outdoor education”), in sinergia con nuove competenze progettuali, comunicative e “per la vita” proposte da Fondazione Amiotti. Mai come ora comprendiamo quanto sia importante un’educazione alla cittadinanza attiva e solidale.

PREZZO: 500€

Se interessati contattare [email protected]